Iconografia

Il quadro del mese

 

Giovanni Busi detto il Cariani (San Giovanni Bianco, 1485 – Venezia, 1547)

 

Concerto

 

Giovanni Busi nacque a San Giovanni Bianco nel 1485 pur se alcuni documenti indicano come data di nascita il 1480. Membro della famiglia Busi, originaria della Val Brembana, si formò a Venezia risentendo dell'ambiente artistico che gravitava attorno al Bellini e al Giorgione, come dimostrano le sue opere giovanili, fra queste il Suonatore di liuto conservato al museo di Strasburgo.

Operò in Lombardia, fra Bergamo e Crema, tra il 1517 e il 1523, forse ritornandovi intorno al 1530, inserendosi probabilmente nel gruppo gravitante intorno a Giorgione, subendo soprattutto l'influenza di Sebastiano del Piombo.

Giunse a Bergamo nel 1517, chiamato da Francesco Albani, manifestando nella sua opera capitale, la Pala di San Gottardo, la sua adesione al gusto tizianesco e la sua contrapposizione al Lotto. La successiva attività di ritrattista rivela comunque l'influenza del Lotto liberando le componenti realiste pur distinguendosene chiaramente per la struttura grandiosa il ricco colorismo delle immagini.

Le opere più conosciute del Cariani sono esposte al museo del Louvre (Madonna con San Sebastiano, ca. 1523) alla National Gallery of Art (Un concerto, ca. 1518-1520) e nel duomo di Bergamo (Madonna col bambino e due colombe, ca. 1523) e la Pala di S.Gottardo di Brera dove fuoriesce il patetismo lottesco ed i colori assumono toni acuti e frizzanti.

L'influenza del Lotti emerse anche nella ritrattistica spingendo Cariani ad una acuta ed originale caratterizzazione psicologica dei personaggi, basti pensare al Ritratto di Gentiluomo e Ritratto di uomo con cappello.

Nell'ultimo periodo, Cariani appare teso alla ricerca nostalgica del giorgionismo e di ampie immagini paesaggistiche, come nel caso della Donna nel bosco al Museo di Berlino.